Sicilia all’Expo come culla di cultura e della dieta Mediterranea

E’ questa l’immagine che ha scelto di dare  la Sicilia all’Esposizione Universale, convinta che questa sia la chiave per incrementare uno sviluppo turistico, più internazionale.

Il primo di una serie di appuntamenti per le ” Settimane del protagonismo siciliano” si è svolto all’Auditorium di Palazzo Italia con due convegni: “Le eccellenza del sistema produttivo siciliano” e ” La biodiversità nell’area del Mediterraneo”, mentre in piazzetta Sicilia sono state presentate alcune aree protette dell’isola, come il Parco dell’Etna e la riserva delle Saline di Trapani.

“In Sicilia – ha detto l’assessore regionale Territorio e ambiente, Maurizio Croce – abbiamo 5 parchi, 76 riserve naturali terrestri, 6 aree marine protette e circa 250 siti di interesse comunitario, che in totale rappresentano circa il 25% del territorio dell’isola. Questo patrimonio di bellezze naturalistiche deve essere un volano per il turismo, ed Expo la sua vetrina”.

Mercoledì 1 Luglio, presso l’Auditorium dell’Expo di Milano, si è svolto un convegno, intitolato “Island Tourism: Sicily Unesco Mediterranean Diet” organizzato da Unioncamere Sicilia nell’ambito del progetto ‘Your gate to Sicilian Excellence’. Previsto anche l’intervento di Sally Veilette, imprenditrice americana nel campo del turismo e a capo di ‘Hands on Sicily’, che racconterà le tendenze del mercato incoming a stelle e strisce. A tal proposito, verrà stilata la classifica dei 5 luoghi e dei 5 piatti tipici preferiti dai visitatori stranieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.